Home / Riflessioni / Considerazioni sulla Via del Guerriero

Considerazioni sulla Via del Guerriero

Considerazioni sulla Via del Guerriero

claudio santoriello bushidoCito le parole di un caro amico che ha permesso di riportare qui il suo pensiero:

Per via si intende un percorso iniziatico, una strada da percorrere come scelta di vita. Quindi abbandonare tutto ciò che non occorre, per iniziare a comprendere la vita attraverso la semplicità. È anche vero che non siamo noi a scegliere questo tipo di percorso, ma è un illuminazione che proviene dal profondo. Quando si ascolta questa chiamata è molto importante non farsi scoraggiare dalle avversità, perché saranno proprio queste a far si che ci sia una crescita dentro di noi. Molto spesso infatti capita che molti gettano la spugna alla prima difficoltà. Una via non è solo l’arte marziale, ma anche la meditazione, o può semplicemente essere un lavoro che amiamo fare… un obbiettivo da raggiungere. La via del guerriero in fine è ciò che il cuore ci comunica, e quando siamo pronti ad ascoltare, noi stiamo già seguendo la via del guerriero. Che è chiamata per brevità la via del cuore.

Claudio Kyōshi

 

In quante di queste parole riusciamo a identificarci ? Personalmente, aggiungendo alle parole di Claudio, ritengo che la Via del Guerriero sia insita di quelle che possiamo chiamare illusioni, non verità assolute o bugie assolute. Il guerriero che intraprende il cammino sa come muoversi fra ciò che appare e ciò che è, ma non ne è sempre stato consapevole. Ognuno di noi nasconde un guerriero in questo senso. Chi “getta la spugna” cadendo al primo sassolino del percorso, è portato a ritenere che tutta la strada sia impercorribile e che non si sia in grado di camminare. Quando invece abbandoniamo i preconcetti, i pesi della nostra coscienza e le paure recondite, è allora che in noi sorge quella qualità, quella virtù nascosta riconosciuta nel combattente.

Perché vincere ? Perché perdere ? Perché continuare ? Saranno le domande a cui spesso non sapremo dare risposta. Ma solo chi imparerà a conoscere e a conoscersi, comprenderà il profondo legame con se stessi e gli altri, nulla o quasi gli sarà impossibile. Niente misticismi, niente fantasie, pensiero ed azione coincideranno. Che tu sia un operaio che non saprà se il giorno dopo riuscirà a portare a casa il pane, che tu sia un pensionato che riesce a vivere solo e con poco denaro, che tu sia una qualsiasi persona che non molla e che crede nei valori. Allora tu sei certamente quello che viene chiamato… un guerriero !

About Karatesen

Sulla Via del nebuloso Do.

Check Also

Nati per combattere

Istinto, ragione e dimensione del combattimento Perché l’uomo combatte ? Parto diritto, senza affanno verso ...

Lascia un commento