Home / Judo / Filosofia, letteratura e cinema / Furuneko Misinshai – Vecchio Gatto Misinshai ( Parte seconda )

Furuneko Misinshai – Vecchio Gatto Misinshai ( Parte seconda )

 

Furuneko Misinshai – Storia di un sogno a Bizan

hokusai nekoParte seconda: 

Guardai da uno spiraglio e vidi… un’assemblea di gatti. Il vecchio con i giovani!
Sedeva al posto d’onore e di fronte gli altri si inchinavano profondamente.
Un gatto avanzò e disse: “Nati per catturare topi, da generazioni abbiamo perfezionato la tecnica. Mai abbiamo conosciuto sconfitta, ma oggi siamo tutti disonorati. Tuttavia voi avete trionfato facilmente su questo topo, disponete dunque di una tecnica speciale? Vorreste insegnarcela?” “Siete giovani – rispose il vecchio gatto – avete movimenti vivi, ma in verità non conoscete il segreto del combattimento. Questo è l’unico motivo della sconfitta. Anche se faticherete a comprendere, vi rivelerò questo segreto, in realtà molto semplice. Ma prima raccontatemi la storia dei vostri studi e cosa avete provato attaccando questo topo”. Uno dei più giovani, nero di pelo, avanzò e disse: “Ero appena uscito dal seno di mia madre e potevo a malapena aprire gli occhi che già mi allenavoa prendere farfalle nel cielo, uccelli in giardino e topolini nella cucina. Ora ho studiato molto. Sono capace di saltare un ostacolo di due metri, posso infilarmi in un buco grande quanto un pugno, correre su una trave stretta con la stessa sicurezza che sulla strada, fare salti pericolosi, mordere, graffiare, saltare, oppure fingere il sonno per meglio sorprendere e altre cose ancora. Ciascuno riconosce il mio valore, ma non comprendo il motivo della sconfitta di questa sera”. Il vecchio gatto rispose sorridendo: “Avete fatto bene a studiare la tecnica. Effettivamente i maestri del passato ne hanno formulato i principi e li hanno raccomandati affinché tutti possano attingere alla verità fondamentale della Via.

Dato che la Via è contenuta in essi, per conoscerne i segreti, dovete studiare la progressione dell’arte. Ma quando siete in possesso della teoria e disponete di una tecnica efficace, se ritenete di essere un grande esperto e che lo studio sia terminato, siete simili a un girino che nuota nel pozzo, persuaso che il cielo sia molto piccolo. Al contrario avete ancora molto da studiare per comprendere che il segreto dell’arte non risiede nella pura tecnica”. Per prendere la parola avanzò un gatto tigrato: “Fin da principio il Maestro mi ha insegnato che il segreto della vittoria risiede nell’energia dello spirito, il ki. Ho verificato che se in combattimento dominiamo l’avversario con la forza dello spirito, egli è alla nostra mercé. Anche se non facciamo uno sforzo particolare in questa direzione, la buona tecnica è pronta a scaturire liberamente in ragione delle circostanze… Ugualmente possiamo far cadere il topo che corre sul cornicione con il solo potere dello sguardo carico di energia. Così non ho mai cessato di accrescere la potenzialità interiore. Ora ho il corpo pieno di forza e l’impressione che essa raggiunga i confini dell’universo. L’ho sempre usata con successo in combattimento. Per quale strana magia questo topo mi è sfuggito stasera? Prima ancora che potessi fissarlo, come un fantasma, non era più là, spostandosi con un’abilità sconcertante. La mia tecnica speciale si è rivelata inefficace, la potenza dello spirito altrettanto, e per di più ho subito una grave sconfitta. I miei studi erano probabilmente insufficienti, ma non mi do pace per quanto è accaduto. Vorreste avere la compiacenza di illuminarmi?”

Japanese Cat

 [Continua nel prossimo articolo]

About Karatesen

Sulla Via del nebuloso Do.

Lascia un commento