Home / Recensioni film / Film: Karate Kid

Film: Karate Kid

Recensione di uno dei film più famosi che parlano della via della mano vuota, che è diventato col tempo un evergreen del genere: The Karate Kid.

karate kid danielQuanti di voi sono cresciuti con il mito di Daniel san e il mitico maestro Miaghi, mi ricordo ancora che in quegli anni la gente impazziva per le arti marziali e quando vedevano film del genere si precipitavano subito in palestra per diventare campioni di karate.

Il film Karate Kid in effetti suscitò un noto interesse specialmente tra i giovani, io personalmente l’ho trovato molto istruttivo perché a mio avviso penso che il film insegni che il karate non va usato per cattivi scopi, anzi può aiutare le persone a stare bene con se stessi ottenendo disciplina e autocontrollo.

 

Trama del film: Daniel cambia casa è si trasferisci con la madre in un altra città, il ragazzo ben presto si ritroverà ad affrontare un gruppo di ragazzi esperti nel Karate che si divertono ad importunarlo, fortunatamente vicino casa abita un signore giapponese che come hobby ha il pallino di curare i bonsai, ma che in realtà è un abile sensei nell’ “arte della mano vuota”.

Tra Daniel e il vecchio maestro nasce subito una grande amicizia, e quando il ragazzo gli racconta di questi ragazzi che si divertono a maltrattarlo, il maestro decide finalmente di dargli lezioni di Karate, insegnandogli dapprima la morale e la filosofia che caratterizza quest’Arte e poi le tecniche per difendersi.

Dopo mesi di allenamento Daniel viene sfidato dal maestro dei giovani ragazzi della sua palestra, per chiudere definitivamente i conti in sospeso Daniel decide di partecipare al torneo di Karate e con i consigli di Miaghi e la rinata volontà e voglia di vivere, riuscirà a vincere il torneo.

(Articolo a cura di Salvatore Romagnuolo)

About Karatesen

Sulla Via del nebuloso Do.

Lascia un commento