Home / Mentalità / Nijukun / Nijukun e Dojokun

Nijukun e Dojokun

Principi, norme guida, l’eredità spirituale del Maestro, senza la quale l’Arte è misero allenamento del corpo

funakoshi nijukun dojokunIl padre del Karate Shotokan, Gichin Funakoshi, dopo tutta una vita passata all’insegnamento della disciplina, sentì che dopo di lui il suo modo di interpretare con rettitudine l’Arte, potesse venire meno o modificarsi col tempo. Non solo, ma fu necessario anche dare una linea guida che conducesse il novello praticante nell’ avvolto dalle nubi del dubbio e intricato mondo del Do, la Via.

Per compiere questi fini Funakoshi compose dei principi. Tale parola deriva dal termine latino princeps (che viene prima) e sta ad indicare dei presupposti su cui si può basare un modo di pensare o una filosofia. Comprendere i principi quindi, permette (anche tramite combinazione degli stessi) conclusioni secondarie, che creano nel soggetto un’idea propria che attiene sempre a tali principi, e che siamo soliti chiamare interpretazione.

Il Nijukun e il Dojokun sono rispettivamente i Venti principi (niju= venti, kun= regole) e i principi del Dojo, il luogo dove si segue la Via. Partendo dal presupposto base che per Funakoshi era fondamentale questo pensiero «lo scopo ultimo del Karate non è vincere o perdere, ma perfezionare il carattere di chi lo pratica.», per fornire sostegno a questa attitudine da mantenere tutta la vita, il Maestro redasse questi ormai famosi principi, per aiutare ogni praticante presente e futuro.

 Se ne deduce che non è importante soltanto allenate ed eseguire tecniche perfette o essere vigorosi e potenti nel corpo, ma di pari passo vada affiancata la condizione spirituale senza quale possiamo affermare che potremmo essere giudicati ottimi atleti o combattenti, ma non dei Guerrieri (in un senso ampio e filosofico del termine). Raccomandiamo ad ognuno di voi un sincero approccio, non per aumentare la propria cultura, ma per assimilare la genuinità dei consigli che sensei Funakoshi voleva trasmettere, per capire di più di se stessi e degli altri, perché lo scopo ultimo come abbiamo detto è migliorare il carattere.

Per adesso vi elencheremo in modo sterile sia il Nijukun che il Dojokun, ma torneremo a parlare di ogni singolo principio, con grandi approfondimenti in materia.

Dojokun

  1. Non dimenticare che il karate-dō comincia e finisce con il saluto.
    空手道は礼に始まり礼に終る事を忘るな (Karate-do wa rei ni hajimari rei ni owaru koto a wasaru na)

  2. Nel karate non esiste iniziativa.
    空手に先手なし (Karate ni sente nashi)

  3. Il karate è dalla parte della giustizia.
    空手は義の補け (Karate wa, gi no taske)

  4. Conosci prima te stesso, poi gli altri.
    先づ自己を知れ而して他を知れ (Mazu onore o shire, shikashite ta o shire)

  5. Lo spirito viene prima della tecnica.
    技術より心術 (Gijitsu yori shinjitsu)

  6. Libera la mente (il cuore).
    心は放たん事を要す (Kokoro wa hanatan koto o yosu)

  7. La disattenzione è causa di disgrazia.
    禍は懈怠に生ず (Wazawai wa ketai ni seizu)

  8. Il Karate non si vive solo nel dojo.
    道場のみの空手と思ふな (Dojo nomino karate to omou na)

  9. Il karate si pratica tutta la vita.
    空手の修業は一生である (Karate-do no shugyo wa isssho de aru)

  10. Applica il karate a tutte le cose, lì è la sua ineffabile bellezza.
    凡ゆるものを空手化せよ其処に妙味あり (Ara yuru mono o karateka seyo; sokoni myomi ari)

  11. Il karate è come l’acqua calda, occorre riscaldarla costantemente o si raffredda.
    空手は湯の如し絶えず熱度を与えざれば元の水に還る (Karate Wa Yu No Gotoku Taezu Netsu O Atae Zareba Motono Mizuni Kaeru)

  12. Non pensare a vincere, pensa piuttosto a non perdere.
    勝つ考は持つな負けぬ考は必要 (Katsu kangae wa motsuna; makenu kangae wa hitsuyo)

  13. Cambia in funzione del tuo avversario.
    敵に因って轉化せよ (Tekki ni yotte tenka seyo)

  14. Nel combattimento devi saper padroneggiare il Pieno e il Vuoto.
    戦は虚実の操縦如何に在り (Tattakai wa kyo-jitsu no soju ikan ni ari)

  15. Considera mani e piedi dell’avversario come spade.
    人の手足を剣と思へ (Hi to no te-ashi wa ken to omoe)

  16. Oltre la porta di casa, puoi trovarti di fronte anche un milione di nemici.
    男子門を出づれば百万の敵あり (Danshi mon o izureba hyakuman no teki ari)

  17. La guardia è per i principianti; più avanti si torna alla posizione naturale.
    構は初心者に後は自然体 (Kamae wa shoshinsha ni atowa shizentai)

  18. I kata vanno eseguiti correttamente; il combattimento è altra cosa.
    形は正しく実戦は別物 (Kata wa tadashiku, jisen wa betsumono)

  19. Non dimenticare dove occorre usare o non usare la forza, rilassare o contrarre, applicare la lentezza o la velocità, in ogni tecnica.
    力の強弱体の伸縮技の緩急を忘るな (Chikara no kyojaku tai no shinshuku waza no kankyu)

  20. Sii sempre creativo.
    常に思念工夫せよ (Tsune ni shinen ku fu seyo)

Dojokun

  1. Ricerca la perfezione del tuo carattere
    一、人格完成に努むること (hitotsu, jinkaku kansei ni tsutomuru koto)

  2. Difendi le vie della verità
    一、誠の道を守ること (hitotsu, makoto no michi wo mamoru koto)

  3. Cura il tuo spirito di ambizione
    一、努力の精神を養うこと (hitotsu, doryōku no seishin wo yashinau koto)

  4. Onora i principi dell’etichetta
    一、礼儀を重んずること (hitotsu, reigi wo omonzuru koto)

  5. Rinuncia alla violenza
    一、血気の勇を戒むること (hitotsu, kekki no yū wo imashimuru koto)

About Karatesen

Sulla Via del nebuloso Do.

Check Also

Iniziativa, non attacco

Parliamo del famoso Karate ni sente nashi, uno dei principi più cari a Funakoshi, evitare ...

Lascia un commento